ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

L’Europa è Democratica?

Posted by ernestoscontento su febbraio 18, 2007

Post – Pubblicato: Art. Comincia l’Italia. net 19/02/2007

Non vi spaventate, mi succede spesso di avere i bruciori di stonaco, soprattutto quando leggo che qualcuno impedisce ad un suo concittadino di essere un uomo libero all’interno di una società Democratica.Succede spesso, quando un gruppo di persone impediscono la libera espressione del pensiero altrui, quando con comportamenti violenti impedisci agli altri di poter godere di una manifestazione sportiva o altro spettacolo.

In fondo il limite della libertà individuale, per non sconfinare nell’libero arbitrio lo ha individuato bene JOHN STUART MILL nel suo saggio sulla libertà,dove afferma “ la liberta di un individuo finisce nel momento in cui danneggia un altro individuo”.

Quindi in Democrazia la libertà individuale si pone il limite della convivenza, la convivenza è normata dalle regole condivise.

La modifica delle regole condivise (il cambio delle cose esistenti) può essere fatto solo e soltanto con gli strumenti democratici e con il limite del non danneggiamento degli altri individui.

La Democrazia “è il governo dei molti e, non dei pochi ( Pericle ) “, quindi le regole imposte dalla maggioranza dei cittadini, non sono e non possono essere considerate una tirannide, in quanto la Democrazia da la possibilità alle minoranze dissidenti,di creare consensi democratici per poter modificare lo stato delle cose esistenti.

MA COSE CHE HA STIMOLATO I MIEI BRUCIORI DI STOMACO?

Il fatto:

Sul sole 24 ore del 18/02/07 leggo: Svezia “ La sfida di Sofia alla rigidità del lavoro”.

Sofia Appelgren è una giovane madre di 25 anni con un sogno aprire un Pub, riesce circa un anno fa,con molti sacrifici a realizzare il suo sogno. Con lei lavora una sua amica unica dipendente del Pub, Sofia gli fa un contratto di assunzione migliorativo rispetto a quello previsto dal sindacato Svedese il LO.

Bene dopo due mesi di trattative andate a vuoto perché il sindacato non voleva aprire un precedente in considerazione anche del nuovo cambio di coalizione politica al governo Svedese ( questo anno dopo 65 anni di governo di centro sinistra, le elezioni svedesi sono state vinte da una coalizione di centro destra); il LO dal 5 dicembre picchetta il Pub di Sofia con cinque uomini alla porta con indosso il giubbino del LO e, persuadono i clienti di entrare nel locale denigrando la giovane imprenditrice, inoltre in accordo con gli operai che raccolgono l’immondizia impediscono anche la raccolta della stessa davanti al PUB.

Si tenga presente che il LO è l’equivalente della nostra CGL se non più potente in Svezia.

A niente sono valse le dichiarazioni della dipendente di Sofia che afferma di essere stata lei ad aver proposto l’accordo contrattuale nel suo interesse, accordo peraltro previsto dalle leggi Svedesi perché migliorativo rispetto al contratto Nazionale.

La prepotenza del FO sta facendo frantumare il sogno di una giovane imprenditrice di 25 anni che ha dichiarato “ non posso più sostenere economicamente questa situazione, i danni economici e di immagine,che mi stanno creando mi costringono a chiudere il locale”.

ECCO CASA HA STIMOLATO IL MIO MAL DI PANCIA….

Per il sindacato Svedese è, meglio avere due disoccupati che pesano sul bilancio del Welfare statale,che peraltro comincia a dare segni di crisi in Svezia.

Per il sindacato Svedese il rispetto delle regole Democratiche non sono un obbligo e, che non mi si dica che tutto è regolare ( ricordatevi l’affermazione di JOHN STUART MILL riportata sopra) perché Libertà e Democrazia sono in simbiosi (R.G. Dahrendorf).

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: