ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Italia : L’affluenza alle urne

Posted by ernestoscontento su maggio 28, 2007

La Greppia

Manifesto del PCI del 1953.

Articolo Pubblicato su : RESET – La libera voce della società civile Italiana

Una cosa è certa che questa classe politica è la peggiore della storia dell’Italia Repubblicana:

Da una parte c’è il nuovo, con un Prodi che sempre di più si ricorda di essere un ex Democristiano, accetta il compromesso sempre e comunque basta rimanere sulla seggiola.

La politica è concepita come potere e non come valore.

Dall’altra parte ci sono gli ex comunisti, che sono ancora confusi nella loro transizione fra il passato e il futuro.

Il tutto in un’Italia che come nel 1953 era diventata La Greppia degli affaristi di stato.

L’Italia sembra sempre di più un paese a Democrazia inesistente,la Democrazia è tale se c’è il coinvolgimento del popolo.

Ma oggi il popolo è deluso, da una classe dirigente sempre più arrogante e prepotente, sempre più infastidita dalle critiche che vengono dall’unico corpo che ne a titolo “ il Popolo”.

La critica loro la chiamano antipolitica…..

Ma la cartina di tornasole sarà l’affluenza alle urne! Dati diffusi ieri, alle 22:

Dove avevano votato per le elezioni Comunali il 54,3% degli aventi diritto contro il 58,3% delle elezioni del 2002, per un calo pari al 4%.

Calo per le provinciali dove l’affluenza finale di ieri è stata del 40,4% contro il 47,2% di cinque anni fa: ovvero una riduzione di elettori del 6,8%.

Se questi dati verranno mantenuti, in un paese serio con una classe dirigente responsabile che, dovrebbe sentire su di se l’onta della delegittimazione, il paese dovrebbe ritornare al più pesto alle urne ma con una nuova classe dirigente.

******

A proposito di antipolitica… Un po’ di teoria (sociologica) non guasta mai.

Riporto qui un POST del Sociologo Carlo Gambrescia, per chiarire meglio cosa è l’antipolitica.

Prima di definire l’antipolitica è necessario definire la politica.

Che cos’è la politica? Attenzione: che cos’è la politica non che cosa dovrebbe essere…

Qui ci interessa quel che la politica sia in concreto… Ed ecco allora una definizione: la politica è la forma per eccellenza di organizzazione sociale, che si esplica attraverso il controllo e il consenso collettivi. Implica il conflitto come la cooperazione.

Spesso l’uno è in funzione dell’altro: si coopera (politicamente) per avere la meglio su un altro gruppo sociale.

Diciamo pure che le società si reggono, paradossalmente sul “conflitto cooperativo”. Le forme di governo, al di là di ogni idealizzazione (spesso strumentale), riguardano soltanto l’organizzazione del conflitto, del controllo e del consenso.

Una strutturazione del potere che riflette contenuti culturali, storicamente mutevoli. Le forme di governo democratiche e non democratiche si alternano nella storia umana. E tra le une e le altre si forma un’ampia zona (storica) grigia.

Dal momento che essendo gestite da minoranze (il potere reale, per ragioni organizzative, man mano che le società aumentano di dimensioni, finisce regolarmente nelle mani di pochi eletti), le forme organizzative, se vogliono stabilizzarsi, devono essere basate su un giusto un mix di consenso e controllo sociale.

Un “dosaggio” che dipende dalla maturità delle élite dominanti, da quella del popolo, e dalle necessità e dai valori del tempo.

Sotto tale aspetto la forma-stato moderno, è solo una delle forme assunte dalla politica nella storia universale Tuttavia, quanto minori sono le distanze culturali, economiche e sociali tra le élite e il popolo, tanto maggiori sono la coesione e stabilità di un sistema politico storico.

E tanto più il benessere sociale e morale diviene patrimonio di tutti.

Riassumendo: la politica è distinta da una forma: il conflitto ( il quale implica, come abbiamo visto la cooperazione), e da contenuti storicamente differenti, attraverso i quali si concretizzano le istituzioni storiche. Istituzioni il cui scopo è la regolazione del mix tra consenso e controllo. E al tempo stesso dei livelli di “tollerabilità sociale” del “regime”, in termini di distanza politica, economica e sociale tra élite dominanti e popolo.

Veniamo ora all’antipolitica.

Una volta ammessa la definizione di cui sopra, dovrebbe perciò essere finalmente chiara l’impossibilità di parlare di “antipolitica”.

Ogni società è politica fino al midollo (perfino la più primitiva), in quanto esistono (ed esisteranno sempre), oggettivamente, la figura del nemico pubblico e la conseguente necessità di forme collettive, anche rudimentali di organizzazione politica.

Pertanto l’ attuale polemica sull’antipolitica è puramente strumentale e funzionale alla conservazione di un modello politico di tipo liberale-rappresentativo che viene identificato con la politica in quanto tale. E quel che peggio con la fine della storia “politica” dell’intera umanità.

Scambiando la forma con il contenuto: le istituzioni attuali di regolazione del conflitto, con la politica, o se si preferisce, con il politico, in quanto tale. In realtà, come mostra la storia, il conflitto non può sempre essere addomesticato…

La politica non può sempre essere ridotta a puro e semplice dibattito pubblico: la necessità della forma-conflitto di incarnarsi costantemente in nuovi contenuti è una costante politica.

Di conseguenza l’antipolitica di oggi può essere la politica di domani, perché attesta la necessità di nuovi contenuti, i quali, prima o poi, non potranno non andare a innervare nuove istituzioni.

Soprattutto perché il rifiuto, sempre più diffuso, delle attuali élite dirigenti come delle stesse istituzioni politiche, indica una richiesta di maggiore partecipazione e una volontà profonda di imporre una differente strutturazione del potere politico.

E pertanto una riduzione di quella distanza, che attualmente sta crescendo, tra élite e popolo, cui abbiano già accennato.

In questo senso più si parla di antipolitica, come fanno, su sponde solo apparentemente opposte,

D’Alema e Panebianco, più si favorisce la conservazione del sistema attuale.

Concludendo: l’antipolitica è la politica del futuro.

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: