ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Tassi Bce al 4%.: «E non si ferma»

Posted by ernestoscontento su giugno 7, 2007

Tassi bce

 

Articolo Pubblicato su : RESET – La libera voce della società civile Italiana

Tutte le opzioni aperte per il futuro!!!!

La Banca centrale europea ha deciso una nuova stretta monetaria, alzando di un quarto di punto itassi d’interesse di Eurolandia.

Il tasso di rifinanziamento principale sulle operazioni pronti contro termine sale al 4%, quello marginale al 5% e quello sui depositi overnight al 3 per cento.

Con ilrialzo di oggi, il secondo dall’inizio dell’anno, la Bce porta il costo del denaro ai massimi di quasi sei anni: per trovare un livello dei tassi così alto bisogna infatti risalire all’agosto del 2001, quando il costo del denaro viaggiava al 4,25%, prima che il 17 settembre venisse tagliato di 50 punti base al 3,75% dopo lo scossone sui mercati finanziari dovuto agli attacchi alle Torri Gemelle dell’11 settembre. L’euro viaggia sostenuto sopra quota 1,35dollari, reagendo senza scossoni al rialzo dei tassi.

COME GIA’ ANNUNCIATO SUL REPORT MENSILE TRICHET SE NE FREGA DEGLI EFETTI CHE LA SUA POLITICA PRODUCE SUL REDDITO DELLE FAMIGLIE.

Grafico 1
NUOVI PRESTITI CONCESSI ALLE FAMIGLIE PER L’ACQUISTO DI ABITAZIONI
(var. % sul corrispondente periodo dell’anno precedente)

Fonte: Elaborazione Tecnoborsa su dati Banca d’Italia

Grafico 2
TASSI D’INTERESSE SU PRESTITI BANCARI PER L’ACQUISTO DI ABITAZIONI IN ITALIA (tasso medio)

Fonte: Elaborazione Tecnoborsa su dati Banca d’Italia

Da quando il governo è stato eletto la BCE ha alzato i tassi da 2,50% a 4% con un aggravio di un 1,50 punti %.

Tradotto in soldoni, su una esposizione di 150.000,00 tempo di ammortamento anni 15 equivale:

Spread fisso Euroribor + 1,54 punti

Aprile: 2006. Tasso mutuo 4,04 Rata mensile: €. 1.112,54

Giugno:2007. Tasso mutuo 5,54 Rata mensile: €. 1.228,81

DIFFERENZA MENSILE. €.116,27 X 12 = Aggravio annuo €. 1.395,24

Una mazzata per chiunque!!!

Quasi l’equivalente di una mensilità, di fatto annulla l’effetto della manovra finanziaria in favore delle famiglie più bisognose.

Conferma che la dimensione dell’economia è sempre più globale e meno controllabile dagli stati Nazionali.

Trichet dovrebbe usare il buon senso, in una società dove la casa è diventato un bene primario (in Italia 85% degli Italiani è proprietario dell’abitazione dove vive) e, un investimento che garantisce dall’inflazione, occorre un sistema diverso la politica monetaria per mantenere bassa l’inflazione, non può più influire sui mutui casa.

L’Europa non può più accontentarsi di dire qualcosa di sinistra….MA DEVE FARE ALMENO QUALCOSA DI CENTROSINISTRA.

Gli Economisti saranno cosi lungimiranti????

Sottrarre reddito alle famiglie vuol dire rallentare l’economia in genere, aumentare o garantire gli utili al sistema bancario non da certezza, che l’accumulazione di ricchezza ,da parte dello stesso sistema, sia poi reinvestita nella produzione.

Quote di denaro maggiori, in mano alle Famiglie, vengono spese nel sistema per soddisfare i bisogni delle stesse, incrementando il fatturato delle imprese che quasi certamente utilizzeranno quella quota di liquidità per investimenti.

Grafico 3
CONSISTENZA MUTUI CONCESSI DALLE BANCHE ALLE FAMIGLIE ITALIANE PER L’ACQUISTO DI IMMOBILI RESIDENZIALI(var. % a 1 anno)

Fonte: Elaborazione Tecnoborsa su dati Banca d’Italia e BCE

******

Approfondimenti:

Una finestra su compravendite e mutui

Indagine 2006: Le famiglie italiane e il mercato immobiliare

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: