ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Caro scuola per le famiglie, ma i politici pensano al finanziamento pubblico dei partiti

Posted by ernestoscontento su agosto 21, 2007

La Società della conoscenza è il futuro!!!

Ma se le famiglie sono tartassate, dall’aumento dei mutui, dall’inflazione che cresce, da uno stato sprecone che gli chiede il 65% dei propri redditi, da banche che erodoni i risparmi invece di farli crescere…..

SE L’ITALIANO ANZICHE’ CITTADINO, VIENE CONSIDERATO SUDDITO…..LE FAMIGLI E’ OVVIO, SONO LE FAMIGLIE DEI SUDDITI.

AI SUDDITI ,NON SI DA SPIEGAZIONI, SI ADDORMENTANO CON I FALSI PROBLEMI, PER DISTRARLI DALLA REALTA’ !!!!

Si parla tanto di riforma sociale equa e solidale, di meritocrazia,di giustizia,di abbattimento dei privilegi….

MA QUI L’UNICA VERITA’ E’ CHE STUDIARE COSTA SEMPRE DI PIU’.

NELLE SOCIETA’ DEMOCRATICHE ,BASATE SULLA CONOSCENZA , LO STUDIO E’ UN DIRITTO!!!!!

IL FINANZIAMENTO DEI PARTITI E’ LEGITTIMO!!!!

MA SECONDARIO E, SOPARTTUTTO DEVE ESSERE AL MINIMO INDISPENSABILE PER IL MANTENIMENTO DELLA PLURALITA’ DEMOCRATICA.

Soldi ai partiti, Pd in rivolta contro Sposetti

Le tasche dei partiti :Rimborsi elettorali da recor.E così tutti salvano il bilancio. Ogni appuntamento con le urne ci costa un miliardo di euro

Caro scuola, l’indagine di:

Comunicato Stampa 20/08/2007

CARO SCUOLA: ARRIVA PUNTUALE L’APPUNTAMENTO CON LE SPESE PER LA SCUOLA, MA ANCHE QUEST’ANNO DALLE INDAGINI DELL’OSSERVATORIO FEDERCONSUMATORI EMERGONO IMPORTANTI RINCARI FINO ALL’11%.

Come ogni anno, dalle pubblicità televisive irrompenti che sponsorizzano materiale scolastico ai banchi dei supermercati e delle cartolibrerie che traboccano di astucci e quaderni, è facile rendersi conto che è arrivato il periodo di rinnovare il corredo scolastico.

Infatti, nonostante sia possibile per i genitori risparmiare su alcuni articoli facendo utilizzare ai ragazzi quelli dell’anno precedente, le tendenze e le varie pubblicità condizionano ad insistere perché ogni anno vengano rinnovati gli articoli scolastici.

Quindi, oltre alla consistente spesa per i libri, stimabile intorno a 320 € causa un aumento del 5% rispetto alle spese del 2006, i genitori si ritrovano ad affrontare un’elevata spesa, aggravata ulteriormente dai rincari registrati annualmente dal nostro osservatorio nazionale.

Per questi accessori, infatti, la spesa media complessiva, che varia a seconda dell’età del ragazzo, è calcolata in 377 €, con un aumento del 7,2% rispetto al 2006.

Per una famiglia quindi la spesa complessiva sarà di 697 €, 40 € in più sul 2006, pari ad un aumento del 5,7%.

Adusbef e Federconsumatori consiglia comunque di effettuare i propri acquisti presso i supermercati e/o ipermercati in quanto si potrebbe risparmiare fino a circa il 25%.

Per quanto riguarda la spesa dei libri, oltre al solito invito che facciamo alle Istituzioni preposte a non promuovere nuove edizioni effettuando un cambio minimo del contenuto o della copertina, consigliamo che venga utilizzato al meglio e al massimo il mercato dell’usato.

Tabella Aumenti scuola

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: