ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Il Libro Verde del Ministro Padoa-Schioppa

Posted by ernestoscontento su settembre 8, 2007

Il Libro Verde del Ministro Padoa-Schioppa prepara il terreno a uno scontro fra le forze politiche che compongono il governo.

Ma il documento serve ! per seguire il consiglio di L. Einaudi ” Conoscere per deliberare”

Il ritratto che emerge della Pubblica Amministrazione è quello di un paese burocrate,che non ha mai abbandonato la sua vena statalista ereditata da 20 anni di dittatura fascista.

Infatti gli unici stipendi in Italia aumentati del 30%, sono quelli dei pubblici dipendenti, anche se i dati Eurispes 2006, dello stesso periodo preso in esame dal Ministro del Tesoro, la crescita complessiva 2001/ 2005 è stata calcolata dall’ Euroispes del 23,7%.

Ma non è tanto questo il problema !

Il fatto è che la produzione e l’efficienza del nostro sistema Amministrativo è fra i peggiori d’Europa, con evidenti squilibri fra retribuzioni di Manager incompetenti (visto i risultati palesi) e giovani ricercatori mal pagati.

Ad alimentare il fuoco c’è anche l’affermazione di Massimo D’Alema, che sostiene “ci sono troppi dipendenti pubblici”.

Inoltre lo stato non è da meno del privato che utilizza migliaia di dipendenti precari nel 2004 erano 266.344 (fonte Ragioneria Dello Stato).

Lo scontro sarà duro, è non godrà dell’appoggio della società civile, che vede nel dipendente Pubblico, un privilegiato davanti al quale si deve sempre scappellare, anche per il certificato di residenza.

Inoltre è ancora aperta la questione dello sciopero sulla legge Biagi, dove non è ancora chiaro se ministri del governo parteciperanno allo stesso.

Non vie è dubbio che uno stato moderno ed efficiente debba ricalibrare la macchina a seconda delle esigenze del sistema e, che la stessa sia funzionale allo stesso è non di intralcio.

Qui purtroppo si innescano meccanismi di cultura e adattamento allo stato delle cose esistenti, che rende difficile ogni riforma in merito.

Lo scontro non è più fra classi sociali, ma fra classi di lavoratori, e rischia di travolgere anche quelle parti del sistema meno privilegiate anche dentro il pubblico impiego.

La cecità dei nostri Politici, che perdono di vista l’obbiettivo primario “ Riformare il sistema senza traumi sociali”, il che vuole dire, riforma degli ammortizzatori sociali, sul modello della Flexisicurity di tipo Scandinavo.

Per attuare questo occorre uno stato convinto e solidale, una pubblica amministrazione efficiente.

MA SOPRATTUTTO POLITICI E SINDACATI CHE VEDONO IN QUESTO MODELLO EQUITA’ E SOLIDARIETA’ SOCIALE E NON PERDITA DI POTERE.

LA PAURA CHE LA PACE SOCIALE, CHE SI PORTA DIETRO LA FLEXSICUTITY FACCIA PERDERE POTERE AI SINDACATI, E LA RAZIONALIZZAZIONE DEL LE RISORSE SCARSE DEL SISTEMA GLI RIDUCA I CONTRIBUTI STATALI CHE ATTUALMENTE PERCEPISCONO, DOVREBBE FAR PENSARE!

******

Approfondimenti:

pdf Libro Verde Della Spesa Pubblica

pdf DPF 2008/2001

pdf DPF 2007/2001

pdf Trimestrale di Cassa Marzo 2006

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: