ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Dopo il V – Day, Le liste civiche

Posted by ernestoscontento su settembre 17, 2007

I Comuni ai cittadini

Un nuovo vento si aggira sull’Europa, Politici di tutto il mondo tremate!!!!!!

MA CHI CONTRASTERA’ QUESTO VENTO ?

In estratto da Repubblica.it

Fassino chiude l’ultima Festa diessina “Adesso tocca a te, caro Walter” Bologna, il comizio finale alla Festa nazionale dell’Unità
Una replica a Grillo: “Non si salva l’Italia mandando a quel Paese i partiti”
Grillo e il “V-day”. “Non è mandando a quel paese i partiti che si salva l’Italia – ha detto Fassino -. La politica è anche quella cosa che può riempire degnamente una vita. A Beppe Grillo, che dichiara di voler distruiggere i partiti – ha proseguito – vorrei dire di guardare a questa Festa, alle nostre feste. Non può essere svilito l’impegno e la disponibilità di tanti”. aliana sarebbe più debole”. Per Fassino, inoltre, non si può ridurre il ruolo delle istituzioni ad una somma di sprechi e privilegi, quando ogni giorno migliaia di sindaci, di amministratori regionali e locali spendono le loro migliori capacità per rispondere alle attese dei cittadini: “C’è una politica pulita in Italia e noi sentiamo il dovere di metterla al servizio del Paese”.

Sempre in Casa DS il senatore Latorre rilascia una intervista sul fenomeno grillo.

Fonte: Il Corriere della sera.it

Caso Grillo: Latorre, siamo alla farsa Il senatore dei Ds: nel linciaggio indiscriminato c’è il rischio di una deriva fascista.

********
Non so come finirà questa avventura delle Liste civiche, peraltro promossa dagli ex Girotondini con l’esclusione ( volontaria) di Nanni Moretti.

Come già scritto, dopo il V-Day ora viene la parte più dura del gioco, saranno all’altezza i giocatori?

Ma di sicuro una cosa è certa ! fino a che i partiti politici continueranno a contrapporre i soliti noti, quelli che hanno l’unico merito di avere smosso questa ondata balsamica di politica, di sicuro grillo avrà parecchio materiale su cui lavorare e, le liste civiche possono diventare qualcosa di più.

MA VI RENDETE CONTO CHE, LATORRE DALEMIANO DI FERRO E’, QUELLO DELLE TELEFONATE CON CONSORTE & CO…….ANCHE LUI SOGNAVA UNA BANCA VICINA AL PARTITO PER IL BENE DELL’ITALIA.

COME IL MITICO ANTONIO LA TRIPPA, CHE GRIDAVA: VOTA ANTONIA…VOTA ANTONIO… VOTA ANTONIO….

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: