ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

L’italia è un paese senza classe dirigente!

Posted by ernestoscontento su ottobre 20, 2007

CHE

Il politicismo ovvero la professione del politico moderno.

Un virus pestilenziale è sorto e si è diffuso dappertutto nel mondo durante il XX secolo.
Si è insinuato e impadronito delle menti e dei corpi, ha influenzato atteggiamenti e indirizzato azioni, ha dominato la vita e segnato la morte di individui e comunità.

Il nome di questo virus è politicismo.

Da Londra a Washington, da Parigi a Berlino, da Mosca a Pechino, da Madrid a Buenos Aires, il politicismo è emerso e ha operato in varie forme e sotto varie vesti e denominazioni.

È venuto il tempo di analizzare la natura di questo virus e le malattie e i disastri che esso ha provocato.

È venuto il tempo di smascherare le coperture ideologiche perpetrate e accettate durante il corso del XX secolo e proporre un nuovo schema interpretativo capace di fornire una spiegazione ad una serie di fenomeni altrimenti inspiegabili.

Per fare ciò dobbiamo, prima di tutto, individuare le origini e dar conto della crescita di questo virus.

L’economia del politicismo si basa su tre pilastri principali:

– Occupazione. La sopravvivenza del politicismo e la sua ragione d’essere consistono nel procurare impiego alla gente comune. Mentre il capitalismo poneva l’accento sul lavoro produttivo e apportatore di profitto, il Politicismo mette al centro l’occupazione, senza riguardo alla sua utilità o alla significatività sociale di quello che si è addetti a fare. L’essere occupati è importante di per sé, anche se il lavoro consiste nello scavare e riempire buche. Il bisogno di assicurare occupazione è al centro della crescita della burocrazia e di molti compiti di intermediazione e di regolazione sociale (avvocati, contabili, consulenti, ecc.). Durante il XX secolo, l’ascesa del politicismo è stata continua e irresistibile soprattutto perché sempre più persone ricevevano i mezzi per vivere dal politicismo e sono un sicuro serbatoio di voti. Il politicismo li nutre ed essi sono dipendenti dei politici. Senza i politici non vi sarebbe stata per essi alcuna occupazione, alcuna sicurezza, alcun futuro, niente. Così almeno molti credono.

Per mantenersi al potere qualsiasi accorgimento è accettabile. I principali sono :

Falsificazione-mistificazione della realtà. La principale (inevitabile) mistificazione è quella di far passare interessi di parte come interessi generali e di discreditare gli avversari politici (qualora essi non vengano addirittura eliminati fisicamente o ridotti praticamente al silenzio) con ogni sorta di argomenti capziosi o di menzogne costruite. Diffamazioni plausibili prendono il posto di fatti reali. Per dirla in breve, quello che è la pratica corrente della vita politica non sarebbe ammissibile in nessuna attività produttiva continua in cui la fiducia reciproca e la cooperazione sono requisiti essenziali e basilari.

Quanto incide ,il narcotico culturale che tende al conformismo collettivo e contamina la società di politicismo?

Certo c’è sempre l’eccezione che conferma la regola di chi è , abbastanza forte e sano da vivere salutarmente “contro corrente”.

Siamo arrivati al fondo del barile ora sarebbe intelligente un po di amor proprio per questo gran bel paese che è L’Italia.

pdf Report Economico Ottobre 2007- Povertà e Occupazione

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: