ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Tredicesima magra, ma nell’Italia delle Caste c’è chi non si preoccupa!

Posted by ernestoscontento su novembre 17, 2007

Lo avevamo scritto anche noi di RESET, che il secondo tesoretto Italiano era una Bufala!!!

Il nostro articolo

Fra un po forse, qualcuno si domanderà cosa voleva dire V. Visco con la famosa frase “ dobbiamo dire la verità agli Italiani”.

Intanto da uno studio della CGIA di Mestre emerge che le tredicesime più leggere da 15 a 74 euro.

Pesa l’Irpef. Risultati più confortanti se si confronta il netto in busta paga per i redditi sotto i 40 mila euro,

I dipendenti italiani che attendono per dicembre 2007 l’agognato “doppio stipendio” avranno un’amara sorpresa: dai 15 ai 74 euro in meno rispetto al 2006.

Ad affermarlo è il team dell’Ufficio Studi della Cgia di Mestre che ha condotto una dettagliata indagine sul tema per diversi scaglioni di reddito.

«La dieta forzata della tredicesima, spiega la Cgia in una nota, è la conseguenza del fatto che nel calcolo delle ritenute entrano in gioco solo le aliquote Irpef corrispondenti agli scaglioni di reddito e non si considerano le detrazioni, né gli assegni familiari che nell’ultimo anno sono stati particolarmente “generosi” per i redditi medio bassi e per coloro che hanno familiari a carico».

LE FASCE – Sempre secondo la ricerca della Cgia di Mestre, chi ha un reddito:

– Di 20 mila euro all’anno senza familiari a carico al posto dei 1.184,62 euro del 2006 si troverà 1.169,38 euro con una perdita, quindi, di 15,2 euro.

– Di circa 25 euro, invece, l’impoverimento della tredicesima per chi ha 23 mila euro di reddito con un figlio a carico.

– Mentre sale a 33,7 euro il decremento della tredicesima di chi percepisce un reddito di 30 mila euro ed ha moglie e un figlio a carico.

– Arrivando poi a redditi di 50 mila euro con moglie e figlio a carico, la tredicesima verrà ridotta di 46,5 euro.

– Circa 75 euro in meno, infine, si ritroveranno coloro che dichiarano un reddito di 80 mila euro ed hanno moglie e due figli a carico.

NETTO IN BUSTA PAGA – Gli esperti dell’associazione artigiani di Mestre hanno poi confrontato il netto in busta paga tra il 2006 e il 2007:

il risultato complessivo è confortante almeno per chi ha un reddito al di sotto dei 40 mila euro, tanto da compensare la delusione della decurtazione della tredicesima.

«La ragione sta nel fatto che la Finanziaria 2007 ha rimodulato sia gli scaglioni di reddito sia le aliquote Irpef, – precisa Giuseppe Bortolussi, Segretario della Cgia di Mestre – aumentando di molto le detrazioni e gli assegni familiari, favorendo i redditi sino a 40.000 euro».

Riconsiderando i medesimi scaglioni utilizzati per indagare sulle tredicesime, l’Ufficio Studi ricompone dunque un po’ di ottimismo, talvolta peraltro davvero impercettibile.

È il caso dei single con un reddito di 20 mila euro: nel 2007, l’aumento netto è stato di 17,3 euro.

Mentre è una cifra sostanziosa, ben 455 euro – per chi ha un figlio a carico e 23 mila euro di reddito annui.

Scende a 334,8 euro l’aumento rilevato per la stessa fascia di reddito se il contribuente ha moglie e figlio a carico.
Supera invece i 360 euro l’incremento in un anno di chi ha un reddito di 30 mila euro e moglie e figlio carico.

A perderci sono i contribuenti con redditi che partono dai 40 mila euro ed hanno moglie e figlio a carico: per loro in un anno la perdita netta è stata di 252 euro.

Mentre arriva a quota 1.044 euro la diminuzione per i contribuenti con 80 mila euro di reddito e con moglie e due figli a carico.

Ma L’Italia dei privilegi insopportabili per chi deve tirare la cinghia è si deve sacrificare, per mantenere una Casta politica fra le più insignificanti d”Europa.

Una Casta che non è capace di modernizzare lo stato, ma si limita al mantenimento dello “status quo” .

Un altro esempio eclatante sono i privilegi dei dipendenti del Senato , dai barbieri ai commessi che guadagnano 136.000 euro l’anno e vanno in pensione a 53 anni con il 90% dell’ultimo stipendio.

Leggi articolo del Corriere della Sera in Merito

******


ELABORAZIONE UFFICIO STUDI CGIA MESTRE

Tedicesime 2007

Nota: i calcoli sono stati effettuati ipotizzando che tutti i mesi siano formati da 30 giorni, le operazioni di conguaglio sono state eseguite nella retribuzione di dicembre. Si è applicata un addizionale Regionale pari al 0,9% e una comunale pari al 0,2%.

Dati sulla povertà relativa in Italia:

Povertà relativa in Italia 2005

Variazione Povertà realiva in Italia 2005

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: