ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Il giorno della memoria, per non dimenticare.

Posted by ernestoscontento su gennaio 27, 2008

 

SE QUESTO E’ UN UOMO

Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case;
Voi che trovate tornando la sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce la pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì e per un no
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno:
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole:
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli:
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri cari torcano il viso da voi.

Primo Levi

******

Se comprendere è impossibile,conoscere è necessario,perché ciò che è accaduto può ritornare,le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre.

Primo Levi

******

Dalla memoria di Ernesto:

Scuole medie G. Marconi di Livorno 1971. Incontro con Il Comandante Giotto Ciardi, medaglia d’oro della Resistenza Italiana:

Dopo una breve introduzione sull’azione condotta dai partigiani durante la resistenza e che per la verità non ricordo molto bene in quale luogo si svolse, il Comandante Ciardi si rivolse a noi dicendoci:

  • voi ragazzi avete libertà di stampa – noi non l’avevamo
  • voi ragazzi avete libertà di riunione – noi non l’avevamo
  • voi ragazzi avete libertà di pensiero e di parola – noi non l’avevamo
  • voi ragazzi avete la pluralità di voto – noi non l’avevamo
  • Nella speranza che nessuna generazione futura possa conoscere l’orrore delle leggi razziali che noi abbiamo subito
  • Voi siete uomini Liberi all’interno di una società Democratica – noi non lo eravamo
  • Ragazzi se voi ricorderete queste cose durante tutto l’arco della vostra vita allora vorrà dire che il sacrificio mio e dei miei compagni non sarà stato un sacrificio vano.

******

Non occorre aggiungere altro, basta riflettere di cosa è capace l’essere umano. Per questo è importante avere la memoria e tramandare la storia di quel che realmente è stato.

Noi siamo ciò che siamo e, non quello che idealmente vorremmo essere.

******

Approfondimenti:

http://www.ucei.it/giornodellamemoria/index2.htm

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: