ernesto scontento

“Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo ” (Voltaire)

Terza Via lo spirito del mondo

Posted by ernestoscontento su maggio 22, 2008

La Terza Via “Manifesto per la rifondazione della socialdemocrazia”

Autore: Giddens Anthony
Editore: Il Saggiatore
Pagine: 160
Data pubblicazione: 2001

NB: Non è più in commercio

Ispiratore della politica di Tony Blair, Giddens disegna una nuova alternativa sia alle diseguaglianze del neoliberalismo sia alle rigidità della vecchia socialdemocrazia. La “terza via” è dunque la costruzione di una società che premia l’innovazione e il dinamismo senza escludere gli strati sociali più deboli. L’autore propone un modello di stato che aiuti i suoi cittadini ad affrontare senza timori le nuove sfide dell’età globale, dai mutamenti nel mercato del lavoro alla crescita dei rischi ambientali, dalla mondializzazione della finanza ai problemi legati alla crescita dell’immigrazione.Con una prefazione di Romano Prodi.

VALORI, opprtunità per tutti, cittadino responsabile, comunità aperte, solidarietà, premiare i meriti, governo moderno, pragmatismo,

FATTI,sì alla sperimentazione, no alla cristallizzazione, cambiamento continuo, responsabilità.

OBIETTIVI, pace, uguaglianza, progresso sociale, stato amico.

Come coniugare solidarismo ed efficienza, liberalismo e giustizia sociale.

Che cosa significava “terza via”:

Nella visione di Anthony Giddens (1) una via di mezzo, un incrocio tra socialdemocrazia e neoliberalismo che valorizzi quel che di meglio hanno da darci queste due ispirazioni di politica economica, che sono anche due culture e due visioni dell’individuo e del mondo. Né con Keynes né con la Thatcher, prima di tutto.

Ma anche un pò con l’uno e un pò con l’altra.

Perchè?

A partire dalla metà del diciannovesimo secolo le scienze sociali trovano la propria matrice in una particolare configurazione ideologica, solo all’apparenza internamente contraddittoria, che è appropriato definire come “liberal-Socialista” e che si consolida quale cultura dominante del sistema del mondo moderno.

Sia nella loro versione inglese di fine Ottocento, che in quella americana lungo tutto l’arco dell’ascesa degli Stati Uniti al ruolo di potenza egemone, i saperi sociali sono dunque caratterizzati dalla compresenza di alcuni dei valori associati alla tradizione liberale “classica”, centralità dell’incessante accumulazione di capitale e delle forze produttive, primato dello spirito acquisitivo e possessivo e difesa delle “libertà” e dei valori di solidarietà sociale comunemente associati alla tradizione di pensiero socialista e marxista.

Alla luce di questa ricostruzione del rapporto tra strutture ideologiche e scienze sociali, Anthony Giddens appare come l’ultimo rappresentante di una tradizione di pensiero che, nella scienza sociale britannica, risale fino al “New Liberalism” di fine Ottocento.

C’è stato in Granbretagna da parte di Anthony Giddens il tentativo di rifondazione della socialdemocrazia con il contributo offerto alla elaborazione del programma politico del New Labour di Tony Blair.

Ma c’è anche un’altra serie di fattori che riguarda il modo di concepire il cittadino, i suoi diritti, i suoi doveri, le sue risorse e responsabilità, la globalizzazione come opportunità’ più che come pericolo, ma consapevole dei due fattori collegati al nuovo mondo “flessibilità e rischio”.

Parole che parlano di quanto cambia nel mercato del lavoro, nella nostra vita personale, nell’orizzonte di incertezza che ci e’ ormai imposto come condizione permanente di abitanti di questa epoca.

Giddens è un sociologo che cerca di organizzatore e unire culturalmente, è il tessitore dell’impresa intellettuale e politica che ha cercato di cambiato faccia alla scena britannica con forti proiezioni sull’Europa e sugli Stati Uniti.

I New Labour è parente stretto dei New Democrats americani di Clinton in un fitto intreccio tra i due leader, ma anche tra i cosiddetti think tanks delle due sponde dell’Atlantico.

Giddens è il direttore della London School of Economics e tiene rapporti con un nugolo di centri studi così come intorno a Clinton e Sidney Blumenthal troviamo varie istituzioni harvardiane a cominciare dalla John Kennedy School of Government.

La terza via di Giddens è il contenuto teorico di questa alleanza ma aspira anche a far da battistrada ad un “centro-sinistra” europeo e mondiale.

Se la socialdemocrazia classica era lo stato pervasivo, il primato dei beni collettivi su quelli individuali, la gestione keynesiana della domanda, l’obiettivo della piena occupazione, un forte egualitarismo, e se il thatcherismo era invece lo stato minimo, il fondamentalismo del mercato, il laissez faire nel campo del lavoro e l’accettazione della disuguaglianza, la terza via cerca un’uscita da ognuno di questi dilemmi.

Ma non si tratta di una perfetta equidistanza tra i due poli.

La sinistra che si riforma, con la terza via ma non è una dissoluzione.

Ma si trasforma, questo si.

La sua forza dovrebbe essere capace di presidiare stabilmente il centro, il luogo dello schieramento dove si decide chi vince le elezioni, ed anche quello dove si producono le maggiori novità, i fattori spiazzanti rispetto ai vecchi schemi.

E infatti Giddens da buon sociologo è proprio alla ricerca che da una rilevanza cruciale, per capire il dinamismo della società civile in tutte le sue particolarità.

Note:

1)Va raccolta la sfida delle società aperte “La Terza via nasce dalla storia della sinistra” di ANTHONY GIDDENS, “La Repubblica”, 9 marzo 2000”.

Approfondimenti:

«Lavoro e sicurezza, ricetta per la nuova sinistra» Il teorico di Tony Blair: perde chi si allontana dalle alleanze di centro di Anthony Giddens “La Stampa”, Domenica 5 maggio 2002”

«La Terza Via è viva ed è al servizio dell’ Europa» di Anthony Giddens “Corriere della Sera”, 19 maggio 2005.

ANTHONY GIDDENS: DAL WELFARE STATE ALL’INVESTIMENTO IN CAPITALE SOCIALE E UMANO

Che tempo fa a Sinistra “La Stampa”,4 Aprile 2008

Manifesto di A.Giddens. Recensione di Michele Salvati

Seminario di Firenze 1999 Archivio “ La Repubblica”

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: